Mister Ignis: streaming prima parte lunedì 12 maggio su Rai 1 – Video replica

Dopo l’omaggio ad Adriano Olivetti, con protagonista il bravo Luca Zingaretti, la Rai ricorda un altro grande imprenditore dell’Italia industriale, Giovanni Borghi, fondatore della Ignis, azienda specializzata in elettrodomestici. Questa sera infatti – lunedì 12 maggio 2014 – va in onda in prime-time (dalle ore 21.10 circa) su Rai1 la prima di due parti (la seconda e ultima è in programma domani) del film per la tv Mister Ignis, liberamente tratto dal libro di Gianni Spartà Mister Ignis: Giovanni Borghi, un sogno americano nell’Italia del miracolo. La fiction, con il soggetto di Eleonora Martinelli, che ha scritto anche la sceneggiatura con Renzo Martinelli e Mauro Caporiccio, vede alla regia la firma di Luciano Mannuzzi. Nel cast attori, tra i protagonisti citiamo, tra gli altri, Lorenzo Flaherty, Anna Valle e Massimo Dapporto. La storia di un imprenditore, il cumenda Giovanni Borghi, che nonostante le difficoltà è riuscito a ricostruire la propria fabbrica dopo la devastazione dovuta alla Seconda Guerra Mondiale, senza mai perdere d’occhio le condizioni dei suoi operai sul lavoro.

In questa prima parte della miniserie prodotta da Rai Fiction e Martinelli Film Company, si partirà dalla storia del protagonista Giovanni Borghi (Lorenzo Flaherty), che fin da piccolo, insieme ai fratelli Gaetano (Rodolfo Corsato) e Giuseppe (Denis Fasolo), affiancò gli studi al lavoro nell’azienda di famiglia a Milano gestita dal padre Guido (Massimo Dapporto). Purtroppo però arriva la Seconda Guerra Mondiale, e la famiglia Borghi è costretta a fuggire dalla pericolosa città per rifugiarsi in campagna, dove riparte la ricostruzione della fabbrica. Nasce così la Ignis, sull’idea vincente di Giovanni di puntare molto sui primi fornelli a gas, e sull’intuizione del fratello Giuseppe di inserire il nome della Ignis sulle tenute degli sportivi italiani di numerose e popolari discipline (pratica molto diffusa anche oggi con gli sponsor)…

© Cinetvmania.it, riproduzione riservata. Dove presenti, i video resteranno online solo per un periodo di tempo limitato.