Le due leggi: anticipazioni seconda puntata 26 marzo 2014 su Rai 1

Questa sera – mercoledì 26 marzo 2014 alle 21.10 – su Rai 1 andrà in onda la seconda e ultima parte del film per la tv Le due leggi. Una fiction con protagonista Elena Sofia Ricci, insieme a Enrico Ianniello e Ilaria De Laurentis, diretta da Luciano Manuzzi. Gli ascolti della prima puntata di ieri, pur non sfondando, sono stati buoni e si sono aggiudicati senza problemi la serata (qui tutti i dati Auditel di ieri 25 marzo). La protagonista veste i panni di Adriana Zanardi, una integerrima direttrice di banca che, schiacciata dai sensi di colpa dopo il suicidio di un imprenditore al quale aveva rifiutato la concessione di un credito, comincia la sua personale battaglia: la difficile conciliazione della legge dettata dal diritto con quella ispirata dal senso di umanità…

Nella prima parte di ieri, Adriana Zanardi (Elena Sofia Ricci) è la direttrice di una filiale di banca in una piccola città di provincia. Con apparente successo, ma non senza qualche difficoltà, riesce a far convivere la professione con la famiglia. Qualcosa però sta per sconvolgere la sua vita. Berdini, un suo cliente in enormi difficoltà economiche, le chiede un prestito per la sua ditta. Adriana, dopo aver verificato il suo credito, si vede costretta a rifiutargli la richiesta. L’uomo, disperato, poco dopo si dà fuoco nella capsula del metal detector, sotto gli occhi del vicedirettore Di Renzo (Luigi Petrucci) e della stessa Adriana, che da quel momento si sente responsabile in prima persona per quel gesto estremo. A quel punto tenta di aiutare la vedova Berdini, e scopre che la donna ha già venduto tutto a Gioielli (Mauro Marchese), un imprenditore senza scrupoli molto legato alla banca dove lei lavora. Questo fa scattare qualcosa in Adriana, che apre gli occhi anche sul fronte familiare, scoprendo che suo marito la tradisce e che sua figlia sembra esserle sempre più ostile. È allora che la donna decide di fare a modo suo, e senza informare nessuno al lavoro sposta temporaneamente somme di denaro da conti correnti più ricchi e con pochi movimenti ai conti dei clienti in difficoltà, così da poter coprire il rosso e creare i requisiti per farli accedere al credito. Viene però scoperta dal suo vice e amico Di Renzo, che la esorta a smettere immediatamente, e poi anche da Gioielli, che pretende l’avvio di un’ispezione interna. A quel punto però Adriana rimane stupita, perchè la banca, invece di denunciarla immediatamente come era lecito aspettarsi, le propone un pacifico patteggiamento. Cosa hanno da nascondere? Lei non accetta la proposta, e andando contro tutto e tutti, anche i consigli del marito e della figlia, si autodenuncia alla polizia e finisce in carcere…

Nella seconda e ultima parte di oggi, Adriana in carcere conosce Katia, una donna che le racconta di essere stata arrestata perchè costretta a rubare per pagare le rate del mutuo sempre più alte, proprio alla banca con la quale lei lavorava. Questa storia porta Adriana a riflettere molto a fondo sui contratti che la sua banca proponeva in passato, a cui non aveva mai prestato troppa attenzione. Riceve anche la visita della figlia, del marito e del suo avvocato, che cercano di convincerla che la migliore strategia difensiva sarebbe quella di affidarsi alla temporanea infermità mentale derivata dallo choc subito per l’incidente avvenuto con l’uomo che si è dato fuoco nella capsula del metal detector. Adriana rifiuta, cerca un altro difensore e si affida anche al suo collega, il vicedirettore Di Renzo, che forse conosce qualcosa in più di quello che vuole fare credere ma ha paura a rivelarlo. Perchè la sua carriera è stata distrutta? Cosa ha scoperto? Cosa nasconde la banca?

© Cinetvmania.it, riproduzione riservata. Dove presenti, i video resteranno online solo per un periodo di tempo limitato.