Le tre rose di Eva: replica undicesima puntata del 13 giugno – Video

È andata in onda ieri, mercoledì 13 giugno, su Canale 5 in prima serata, l’undicesima puntata della nuova fiction targata MediaVivere, “Le tre rose di Eva” con Anna Safroncik, nei panni di Aurora Taviani e Roberto Farnesi in quelli di Alessandro Monforte. Una storia di omicidi, complotti, segreti, ma, soprattutto, una grande storia d’amore tra due giovani appartenenti a famiglie nemiche e divisi da un passato di sangue e mistero. 12 puntate di 80 minuti ciascuna per la regia di Raffaele Mertes e Vincenzo Verdicchi.  Per chi si fosse perso la puntata, può rivederla (cliccando sull’immagine a fondo articolo) in replica sul sito web di Mediaset.

L’attesa è ora tutta concentrata sul gran finale della serie, nella dodicesima e ultima puntata la fiction svelerà tutti (o quasi) i misteri ancora irrisolti tra le incantevoli colline di Villalba.. Dopo l’omicidio di Eva Taviani (Barbara De Rossi), il cerchio si è stretto intorno a Ruggero Camerana (Luca Ward), che finalmente è finito in carcere. Ma andiamo con ordine e scopriamo cosa è successo nella penultima puntata di ieri sera.

Aurora e Alessandro (Anna Safroncik e Roberto Farnesi) sono convinti che ci sia Camerana dietro i delitti di Villalba, soprattutto dopo che la ragazza ha visto il video di Eva che la mette in guardia dall’imprenditore, e cominciano ad indagare. Intanto l’uomo viene messo alle strette dai suoi complici; deve restituire loro la rispettiva parte di denaro. Camerana comincia a progettare la sua fuga: trasferisce tutti i capitali in un conto segreto e prepara dei passaporti falsi poi propone a Tessa di sposarlo e di ricominciare una nuova vita altrove. Matteo (Rocco Giusti), convinto che chi ha incastrato Alessandro ha incastrato anche lui, inizia a indagare e scopre che è stata Sofia Rocchi (Chiara Edelfa Masciotta),la vedova di Roberto a parlare con i giornali, su consiglio di Scilla (Alfredo Pea).

Dopo un battibecco con Edoardo, Viola (Victoria Larchenko) ha un malore e Edoardo la porta in ospedale. Poi avverte Aurora, in modo che possa dirlo ad Alessandro.

La ragazza, nonostante il parere contrario dei medici decide di tornare a casa. Alessandro per assicurarsi delle condizioni della moglie, si introduce di nascosto nella Villa, ma il fratello lo vede e avverte i carabinieri che lo arrestato per l’omicidio di Eva Taviani. Poi va da Aurora per darle la notizia: se non può averla lui, non l’avrà neppure suo fratello.

Tessa intanto cerca di sabotare il piano di fuga di Camerana, ma Ivan intuisce le mosse della ragazza.

Aurora ha un’idea per aiutare Alessandro e corre dagli ornitologi che per un po’ di tempo lo hanno nascosto: una delle telecamere ha ripreso Alessandro mentre aspetta invano l’arrivo di Eva nel luogo del loro appuntamento. È la prova che  non è lui l’assassino e viene scagionato dalle accuse. Una volta libero lascia definitivamente Viola, pur confermandole la sua intenzione di fare da padre al bambino. Viola reagisce malissimo e decide di partire con il padre.

Intanto Tessa racconta alle sorelle e ad Alessandro dove Camerana ha nascosto i passaporti falsi: aiutati da Bruno (Francesco Arca) organizzano un piano per rubarli ed impedirgli così di partire, ma l’impresa è più complicata del previsto… Ruggero si accorge che qualcuno vuole incastrarlo e se la prende con Tessa e poi anche con Bruno, ma riesce a fuggire prima dell’arrivo dei carabinieri.

Mentre Ruggero e Viola stanno per partire con l’elicottero, la ragazza ha un nuovo malore e viene trasportata in ospedale dove ha un aborto. Alessandro scopre che sua moglie sapeva di non poter portare a termine la gravidanza e ha rischiato di morire per non perdere lui.

Intanto Tessa denuncia Camerana per tentato omicidio. In ospedale Ruggero viene raggiunto da Fiorentino, che lo minaccia di morte nel caso facesse i loro nomi, ma Camerana spiazza tutti e si consegna al brigadiere Mancini che nel frattempo è giunto in ospedale;  Scilla, spinto dai “fratelli”, va a trovare Ruggero in prigione dove gli chiede di assumersi tutte le responsabilità degli omicidi di Villaba, altrimenti sua figlia Viola sarà in pericolo. L’uomo decide di collaborare con la polizia, ma solo a patto che sia garantita la protezione della ragazza.

Mancini fa una clamorosa rivelazione ad Alessandro e Aurora: ci sono degli indizi che portano a credere che sia stato Edoardo a uccidere Eva. I due sono sconvolti. Scilla intanto offre a Edoardo una scappatoia: far ritrovare i documenti di cui è in possesso tra le carte di Ruggero.

Camerana, di fronte al magistrato Uberti, decide di non parlare: lo farà solo quando saprà che Viola è al sicuro.

Per le anticipazioni della dodicesima e ultima puntata di mercoledì prossimo clicca qui.

Le tre rose di Eva

Le tre rose di Eva

Le tre rose di Eva

Le tre rose di Eva

Le tre rose di Eva

Le tre rose di Eva

Clicca sull’immagine per il video.

Le tre rose di Eva: replica puntata del 13 giugno - Video

Le tre rose di Eva: replica puntata del 13 giugno - Video